20.05.2015

Immobili di lusso, una sentenza della Corte di Cassazione mette chiarezza sul computo delle superfici accessorie


La Suprema Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 23507 del 4 novembre 2014, conferma che le superfici di balconi, terrazze, cantine, soffitte, scale e posti macchine non concorrono a superare i 240 m² (che diventano 200 m² in caso di abitazioni unifamiliari), limite che stabilisce se un immobile è considerato abitazione di lusso (e di conseguenza escluso dal beneficio prima casa). La Corte torna quindi a far chiarezza riguardo la nozione di “abitazione di lusso”, ai fini dell’agevolazione fiscale per l’acquisto di “prima casa“ nell’ambito delle imposte ipocatastali e di registro da applicarsi di conseguenza. Infatti, tale eccezione è prevista nel D.M. 2 agosto 1969, che individua le caratteristiche delle abitazioni di lusso, escluse dall'agevolazione prima casa.
Nel caso specifico, l’ordinanza della Suprema Corte ha rigettato il ricorso proposto dell’Agenzia delle Entrate in merito ad una controversia nata dopo un avviso di liquidazione delle ordinarie imposte di registro, ipotecaria e catastale, a seguito della revoca del beneficio di “prima casa”, poiché l’Ufficio riteneva l’immobile “abitazione di lusso”. Il tutto perché, il collegio di merito di secondo grado, escludeva la computabilità, ai fini del calcolo della superficie utile complessiva, della cantina e del sottotetto dell’abitazione dei contribuenti oltre che dello spazio esterno poiché di pertinenza del condominio.


 
20 maggio 2015

Anche per i contratti ad uso foresteria è applicabile la cedolare secca

La Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia, con la sentenza n. 470/03/2014 del 4 novembre 2014, ha stabilito che il regime fiscale della cosiddetta “cedolare secca” è applicabile anche quando il contratto di locazione è ad uso foresteria. Viene...
Leggi »


20 maggio 2015

Immobili di lusso, una sentenza della Corte di Cassazione mette chiarezza sul computo delle superfici accessorie

La Suprema Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 23507 del 4 novembre 2014, conferma che le superfici di balconi, terrazze, cantine, soffitte, scale e posti macchine non concorrono a superare i 240 m² (che diventano 200 m² in caso di abitazioni...
Leggi »


20 maggio 2015

Novità in arrivo per la certificazione energetica degli edifici

Sono in dirittura d’arrivo le nuove linee guida del Ministero dello Sviluppo Economico che andranno a sostituire le precedenti disposizioni relative all’attestazione della prestazione energetica degli edifici, risalenti al 2009 (D.M. 26 giugno 2009).Le nuove...
Leggi »


Visualizza da 16 a 18 di 59