26.11.2015

Il Permesso di Costruire decade di validità solo con comunicazione del Comune


Il Permesso di Costruire è un’autorizzazione amministrativa soggetta a decadenza temporale, in quanto normalmente perde efficacia e validità dopo tre anni dal suo rilascio. Alla decadenza, nel caso i lavori autorizzati non siano ancora terminati, il titolare del Permesso deve richiederne uno nuovo. Tuttavia, la decadenza deve essere comunicata al titolare dell’autorizzazione con provvedimento formale espresso da parte dall’Amministrazione Pubblica, poiché non vi deve essere alcun automatismo nel processo. E’ questo, in sintesi, quanto ha stabilito la sentenza n. 4823/2015 del Consiglio di Stato, basandosi su un caso in cui una società di costruzione, nel 2004, richiese un Permesso di Costruire, poi rilasciato nel 2008, su una zona che, nel corso dell’iter autorizzativo (anno 2007), fu dichiarata a forte rischio idrogeologico dal Comune, e destinata ad area verde. A seguito dell’inizio dei lavori, nel 2008, la ditta costruttrice trovò difficoltà nell’esecuzione tali da dover richiedere, nel 2009, una sospensione dei lavori e, nel 2010, la presentazione di una variante che apportava numerose modifiche al progetto originario. Nel 2011, a variante ancora non approvata, la ditta chiese una sospensione dei termini di validità del Permesso di Costruire rilasciato nel 2008, dato che era ormai prossimo alla scadenza, senza però ottenere dal Comune l’assenso, in quanto l’Ente si pronunciò asserendo che erano già decaduti i termini di validità. I giudici hanno però motivato l’illegittimità di tale risposta, poiché è necessario che gli Enti Locali adottino provvedimenti che dichiarino, in modo formale, la decadenza del permesso di costruire. Il tutto con l’obiettivo di garantire un confronto riguardo le motivazioni che hanno portato alla decadenza del titolo abilitativo. 

In allegato: Sentenza Consiglio di Stato n. 4823/2015


 
29 ottobre 2015

Restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione: il legislatore chiarisce terminologie e confini di ogni intervento

La sentenza del Consiglio di Stato n° 3505/2015 fa chiarezza su cosa si intende per ristrutturazione e restauro e risanamento conservativo. Questo è molto importante alla luce dei risvolti urbanistici e fiscali che assume la diversa classificazione degli...
Leggi »


29 ottobre 2015

Se c’è muffa o umidità in appartamento il condominio è tenuto al risarcimento

Novità dal mondo del Condominio. Se la casa evidenzia muffa o difetti da cattiva coibentazione paga il Condominio. Lo stabilisce la Corte d'Appello di Milano, con la sentenza n. 2680/2015. Il caso preso in esame dai giudici meneghini, infatti,  riguarda...
Leggi »


29 ottobre 2015

Non solo l’obbligo ma anche la sanzione per i certificati energetici

Con il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 26 giugno 2015 sono istituite, in tutta Italia, le sanzioni per l’omessa allegazione, agli immobili in vendita o affitto, dell’A.P.E – Attestato di Prestazione Energetica, documento  che definisce...
Leggi »


Visualizza da 4 a 6 di 59