26.06.2015

Sentenza Consiglio di Stato - La demolizione parziale di un opera abusiva deve essere fattibile


Se il Comune ordina una demolizione di un’opera abusiva deve prima necessariamente valutarne la sua fattibilità pratica. E’ questo, in sintesi, quanto stabilito dalla Sentenza n. 1056/2015 del Consiglio di Stato, che ha rigettato il ricorso di un Comune, dando ragione al responsabile lavori dell’opera contestata. Nello specifico, in seguito ad un intervento di ristrutturazione su un immobile, la volumetria dell’edificio è risultata essere superiore rispetto a quanto assentito dal Comune in fase di rilascio del titolo edilizio. A fronte di ciò, l’ente ha quindi emesso un ordine di demolizione parziale, al fine di porre rimedio alla parte realizzata in modo abusivo. Tale decisione è stata contestata da parte del responsabile dei lavori, che si è prima rivolto al TAR, lamentando un’impossibilità nell’effettuare la demolizione, in quanto avrebbe comportato danni anche alla parte “non abusiva”, senza però trovare ragione. Successivamente, invece, il Consiglio di Stato ha invece accolto le ragioni del responsabile lavori, in quanto ha rilevato che l’aumento volumetrico è di fatto impercettibile e irrilevante dal punto di vista dell’impatto paesaggistico, ma anche, e soprattutto, che l’ordine di demolizione non tiene in considerazione degli eventuali danni che potrebbe arrecare alle parti conformi dell’edificio. Quindi, il CdS afferma che le valutazioni sulla fattibilità pratica e giuridica della demolizione parziale debbano essere fatte al momento stesso in cui la sanzione viene irrogata, e non rimandate al momento dell’esecuzione d’ufficio dell’ordine di demolizione, dopo che il responsabile lavori non ha provveduto da sé al ripristino dei luoghi.

 

Scarica il testo integrale della Sentenza n. 1056/2015


 
22 agosto 2014

La SCIA – Segnalazione di inizio attività

La SCIA - Segnalazione Certificata di Inizio Attività è lo strumento amministrativo che consente di iniziare l’attività edilizia immediatamente e senza necessità di attendere la scadenza di alcun termine. A differenza della DIA – Dichiarazione di Inizio...
Leggi »


29 luglio 2014

Il diritto di prelazione sui beni di interesse culturale

Nel caso di immobili dichiarati beni di interesse culturale, che rientrano, quindi, tra quelli individuati da apposito decreto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (D. Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42), lo Stato o gli altri enti territoriali quali...
Leggi »


29 luglio 2014

Accertamento di conformità per le opere edilizie in assenza di Permesso di Costruire

L’accertamento di conformità è lo strumento attraverso il quale l’ordinamento giuridico consente la sanatoria di abusi edilizi “formali”, ossia di quelle opere realizzate in assenza di permesso di costruire (o DIA o SCIA), o in difformità da esso (sono quindi...
Leggi »


Visualizza da 37 a 39 di 59