29.09.2014

Semplificazioni burocratiche per la realizzazione di opere interne alle unità immobiliari


Altra interessante novità contenuta nel decreto 12/09/2014 n. 133, cosiddetto “Sblocca Italia”, è rappresentata dalle numerose semplificazione burocratiche in ambito edilizio.

Di fatti, tra le novità più consistenti, vi è quella che permette la realizzazione, con sola Comunicazione di Inizio Lavori (CIL) (anziché con Segnalazione Certificata di Inizio Attività – la famosa SCIA), degli interventi di manutenzione straordinaria che consistono nel frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari, anche se con esecuzione di opere che comportano la variazione delle superfici delle singole unità immobiliari, o che vanno ad incidere sul carico urbanistico. Il tutto però senza andare ad alterare la volumetria complessiva degli edifici o mutare l’originaria destinazione d’uso.

La Comunicazione di inizio lavori è valida anche ai fini dell’aggiornamento catastale, e sarà compito dell’amministrazione comunale inoltrarla tempestivamente all’Agenzia del territorio.

Con l’introduzione di questo nuovo dispositivo di legge, quindi, potranno essere realizzati, con la sola comunicazione di inizio lavori, asseverata da un tecnico, gli interventi di manutenzione straordinaria, compresi quelli relativi all’apertura di porte interne e/o lo spostamento di pareti interne, purché non riguardino le parti strutturali. Sempre con la CIL asseverata, si potranno eseguire anche modifiche interne di carattere edilizio che incidono sulla superficie coperta dei fabbricati d’impresa, o quelli riguardanti le modifiche della destinazione d’uso dei locali adibiti ad esercizio d’impresa.

In sostanza, l'interessato, potrà eseguire detti lavori, trasmettendo all'amministrazione comunale la comunicazione di  inizio dei lavori asseverata da un  tecnico abilitato, il quale attesterà, sotto la propria responsabilità, che i lavori sono conformi agli strumenti urbanistici e ai regolamenti edilizi, e che non riguardano le parti strutturali dell'edificio. Sarà poi necessario indicare i dati identificativi dell'impresa che esegue i lavori.  Tradotto, vi sarà una riduzione degli oneri burocratici a carico di imprese e cittadini.


 
21 ottobre 2014

Riforma del Condominio: ecco le parti comuni del condominio

Con la Riforma del condominio si indicano definitivamente quali sono le parti comuni del Condominio. Per farlo si è messo mano al Codice Civile novando l'art.1117. Il legislatore chiarisce anche un concetto fondamentale: la proprietà delle "parti...
Leggi »


29 settembre 2014

Semplificazioni burocratiche per la realizzazione di opere interne alle unità immobiliari

Altra interessante novità contenuta nel decreto 12/09/2014 n. 133, cosiddetto “Sblocca Italia”, è rappresentata dalle numerose semplificazione burocratiche in ambito edilizio. Di fatti, tra le novità più consistenti, vi è quella che permette la...
Leggi »


29 settembre 2014

Bonus fiscale per chi acquista casa e poi l’affitta

Sempre dal Decreto “Sblocca Italia” arrivano novità significative per coloro che decidono di acquistare immobili, per poi successivamente affittarli. E’ infatti stato introdotto un bonus fiscale per chi acquista immobili nuovi o ristrutturati, nel periodo 1...
Leggi »


Visualizza da 31 a 33 di 59