20.12.2013

Registrazione dei preliminari: un obbligo per le parti e per l’agenzia


Qualora le parti non procedano, nei termini previsti, alla registrazione del contratto preliminare presso l'Agenzia delle Entrate, indipendentemente dalle previsioni contrattuali, la stessa agenzia può scegliere il soggetto dal quale pretendere il pagamento.

Le imposte pagate per la registrazione del preliminare verranno scomputate all’atto notarile, fornendo al notaio copie in originale dei pagamenti effettuati. Per effettuare la registrazione è necessario prima di tutto il versamento delle imposte presso la banca o ufficio postale per il tramite del modello F23, in triplice copia, sul quale andranno riportati i dati dell’acquirente e del venditore.

È necessario altresì procedere alla compilazione dell’apposito modello di richiesta di registrazione (Modello 69) disponibile presso gli sportelli dell’Agenzia delle Entrate e/o on line presso il sito web della stessa (Modello 69). Sul preliminare di registrazione dovranno essere apposte le marche da bollo per ogni 100 righi di scrittura. In caso di ritardata registrazione (oltre i 20 giorni successivi all’atto) verrà applicata una sanzione del 30% sull’imposta dovuta e gli interessi legali.

Fonte: D.P.R.  26 aprile 1986 n. 131 - Legge 296/2006 Finanziaria per il 2007;


 
26 giugno 2015

Sentenza Corte di Cassazione - Non è possibile frazionare i lavori di un’opera per realizzarli senza permesso di costruire

Realizzare un intervento edilizio, frazionandolo in più parti, al fine di eludere le norme sul rilascio dei titoli abilitativi, non è in alcun modo possibile. Lo stabilisce in modo netto la sentenza n. 16622/2015 della Corte di Cassazione. La decisione dei...
Leggi »


26 giugno 2015

Normativa - Fotovoltaico, è legge la nuova procedura che consente l’installazione in due click

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 27 maggio 2015, è entrato in vigore il DM 19/05/2015 del Ministero dello Sviluppo Economico, che introduce il modello unico per la realizzazione, la connessione e l'esercizio di piccoli impianti fotovoltaici...
Leggi »


26 giugno 2015

Sentenza Consiglio di Stato - La demolizione parziale di un opera abusiva deve essere fattibile

Se il Comune ordina una demolizione di un’opera abusiva deve prima necessariamente valutarne la sua fattibilità pratica. E’ questo, in sintesi, quanto stabilito dalla Sentenza n. 1056/2015 del Consiglio di Stato, che ha rigettato il ricorso di un Comune,...
Leggi »


Visualizza da 13 a 15 di 59