24.09.2015

L´abuso edilizio dell’inquilino coinvolge anche il proprietario


Dal Consiglio di Stato arriva un importante novità nel campo edilizio, ed in particolar modo in tema di opere abusive. Infatti, con Sentenza n. 3897/2015, l’Alta Corte ha stabilito che nel momento in cui il proprietario dell’immobile viene a conoscenza che il suo inquilino ha posto in essere un’opera abusiva, è tenuto a compiere azioni di diffida o di dissuasione relative all’abuso, altrimenti assume una corresponsabilità nel fatto. Secondo i giudici, il proprietario non può limitarsi ad un comportamento passivo, come dissociarsi dalla condotta del locatario, ma deve provare di aver intrapreso iniziative concrete per eliminare l’abuso, ad esempio inviando una lettera raccomandata di diffida all’inquilino o minacciando, sempre per iscritto, la risoluzione del contratto per inadempimento.

In allegato: La sentenza n. 3897/2015


 
24 settembre 2015

Ecco quanto pesano le imposte di successione

L'imposta di successione viene liquidata dall'Agenzia delle Entrate una volta che il contribuente ha presentato allo sportello la dichiarazione di successione. Le aliquote sono diverse,  a seconda del grado di parentela degli eredi. L’aliquota va...
Leggi »


24 settembre 2015

Solo con le nuove costruzioni è obbligatorio rispettare la distanza dai fabbricati e dai confini

A prescindere dal dettato del Regolamento Comunale, se si ristruttura o si ricostruisce pari pari un fabbricato, questo può essere riposizionato nella posizione originale, a prescindere da quello che dice il Regolamento comunale. Lo stabilisce la Cassazione,...
Leggi »


24 settembre 2015

L´abuso edilizio dell’inquilino coinvolge anche il proprietario

Dal Consiglio di Stato arriva un importante novità nel campo edilizio, ed in particolar modo in tema di opere abusive. Infatti, con Sentenza n. 3897/2015, l’Alta Corte ha stabilito che nel momento in cui il proprietario dell’immobile viene a conoscenza che il...
Leggi »


Visualizza da 7 a 9 di 59