24.09.2015

Ecco quanto pesano le imposte di successione


L'imposta di successione viene liquidata dall'Agenzia delle Entrate una volta che il contribuente ha presentato allo sportello la dichiarazione di successione. Le aliquote sono diverse,  a seconda del grado di parentela degli eredi. L’aliquota va applicata al valore dell’asse ereditario, detratto dalle eventuali franchigie previste dalle norme in materia.

L’attuale normativa prevede che siano applicate le seguenti aliquote:

  • 4%, per il coniuge e i parenti in linea retta (figli, genitori, nipoti, ecc.), da calcolare sul valore eccedente, per ciascun erede, di  1.000.000 di euro;
  • 6%, per fratelli e sorelle, da calcolare sul valore eccedente i 100.000 euro per ciascun erede;
  • 6%, da calcolare sul valore totale (cioè senza alcuna franchigia), per gli altri parenti fino al quarto grado, affini in linea retta, affini in linea collaterale fino al terzo grado;
  • 8%, senza alcuna riduzione della base imponibile, per le altre persone.

 

Le franchigie si applicano in capo a ciascun beneficiario intervenuto nella successione.

Nel caso in cui a beneficiare del trasferimento sia una persona portatrice di handicap grave, cosi come descritto dalla legge n. 104 del 1992, l’imposta di successione si applica sulla parte del valore della quota eccedente la franchigia di 1.500.000 euro; questo indipendentemente dal grado di parentela intercorrente tra il disponente ed il beneficiario.

Le franchigie, comunque, non si possono mai cumulare tra loro. Il valore delle stesse verrà aggiornato ogni quattro anni, in base all’indice del costo della vita.

Nel caso avvenga il trasferimento di immobili, va ricordato che vi è da considerare anche l'imposta ipotecaria e catastale, rispettivamente pari al 2 e all'1 per cento, da applicarsi in misura fissa (168 Euro ciascuna) nel caso in cui il beneficiario (o donatario) possiede i requisiti "prima casa".

Tabella riepilogativa delle aliquote e delle franchigie

Grado di parentela

Franchigia esente

Aliquote sull’eccedenza

Coniuge e parenti in linea retta

Euro 1.000.000

4%

Fratelli e sorelle

Euro 100.000

6%

Altri parenti fino al 4° grado e affini fino al 3° grado

Nessuna franchigia

6%

Altri soggetti

Nessuna franchigia

8%

Erede portatore di handicap grave

Euro 1.500.000

Nel caso di trasferimento immobiliare vi sono anche le imposte ipotecarie e catastali


 
22 agosto 2014

La SCIA – Segnalazione di inizio attività

La SCIA - Segnalazione Certificata di Inizio Attività è lo strumento amministrativo che consente di iniziare l’attività edilizia immediatamente e senza necessità di attendere la scadenza di alcun termine. A differenza della DIA – Dichiarazione di Inizio...
Leggi »


29 luglio 2014

Il diritto di prelazione sui beni di interesse culturale

Nel caso di immobili dichiarati beni di interesse culturale, che rientrano, quindi, tra quelli individuati da apposito decreto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (D. Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42), lo Stato o gli altri enti territoriali quali...
Leggi »


29 luglio 2014

Accertamento di conformità per le opere edilizie in assenza di Permesso di Costruire

L’accertamento di conformità è lo strumento attraverso il quale l’ordinamento giuridico consente la sanatoria di abusi edilizi “formali”, ossia di quelle opere realizzate in assenza di permesso di costruire (o DIA o SCIA), o in difformità da esso (sono quindi...
Leggi »


Visualizza da 37 a 39 di 59